Umbria: POR FESR 2014/2020. MISURA 1.3.1. CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINO AL 40% PER SOSTENERE LE NUOVE IMPRESE INNOVATIVE.

Il presente avviso si propone l’obiettivo di sostenere la creazione di start up innovative ad alta intensità di applicazione di conoscenza e le iniziative di spin-off della ricerca ai fini della valorizzazione economica dei risultati della ricerca e/o dello sviluppo di nuovi prodotti, processi e servizi ad alto contenuto innovativo negli ambiti di specializzazione dove maggiore appare il potenziale competitivo identificati nell’ambito della Strategia di Ricerca e Innovazione per la Specializzazione Intelligente. La Strategia mira ad attivare le potenzialità locali facendo leva su asset regionali, talenti, attraverso l’accesso ai risultati della ricerca e la promozione della nuova imprenditorialità.

 

Mia Immagine

   

 

SOGGETTI BENEFICIARI
Sono beneficiari del presente avviso:
– le PMI costituite sotto forma di società di capitali (comprese le srl unipersonali, le srl semplificate e le imprese cooperative e quelle con mutualità prevalente) e le società di capitali tra professionisti.
Tali soggetti possono configurarsi in una delle seguenti tipologie:
– start-up ad alto contenuto tecnologico.
– spin-off aziendali.
– spin-off accademici ad elevate competenze scientifiche.

– Gli incubatori certificati.

TIPOLOGIA DI SPESA AMMISSIBILE
Le spese ammissibili devono, inoltre, riguardare le seguenti tipologie:
a. Spese di locazione dei laboratori e della sede operativa dell’impresa in cui viene effettuato l’investimento per un importo massimo di € 12.000,00 annui e solo per un massimo di 12 mesi a partire dal mese di presentazione della domanda.
b. Macchinari, attrezzature, impianti hardware e software di stretta pertinenza dell’attività produttiva dell’impresa.

c. Acquisizione e locazione finanziaria di attrezzature scientifiche e di laboratorio;
d. Acquisto di brevetti già registrati. L’acquisto di brevetti finanziabile riguarda ovviamente brevetti diversi da quelli presentati per la dimostrazione del requisito dell’innovatività;
e. Spese finalizzate alla partecipazione a fiere, eventi, prima campagna pubblicitaria e realizzazione del logo aziendale (max € 10.000,00). Per la partecipazione alle fiere le spese ammissibili riguardano solo il costo di affitto dello stand e del suo allestimento;
f. Consulenze esterne specialistiche rese da strutture specializzate organizzate in forma d’impresa, la cui attività risulti compatibile con la consulenza offerta, ovvero professionisti singoli o consulenti il cui curriculum formativo e professionale evidenzi adeguate competenze in materia.

h. Consulenze e/o accordi di collaborazione rese da istituti universitari e centri di ricerca pubblici. Nel caso in cui nel progetto sia inserita questa tipologia di costo l’importo minimo ammissibile di tale voce di spesa deve essere pari al 10% del costo totale del progetto ammesso.
i. Spese connesse allo sviluppo sperimentale di un brevetto/prototipo/servizio, sostenute tramite una struttura esterna all’azienda beneficiaria del contributo.
j. Costo del personale dipendente e spese per materiali sostenute direttamente dall’azienda beneficiaria per lo sviluppo sperimentale di un brevetto/prototipo/servizio.

ENTITÀ E FORMA DELL’AGEVOLAZIONE
Il contributo concedibile consiste in un contributo a fondo perduto pari al 40% della spesa ritenuta ammissibile.

L’ammontare complessivo delle spese ammissibili non può essere inferiore ad € 30.000,00 e né superiore a € 500.000,00.

La dotazione finanziaria è pari ad euro 1.300.000,00.

 

Mia Immagine